Gallina massacrata da un gruppo di ragazzi: educhiamo alla non-violenza

gallina

Sta facendo il giro dei social la notizia che la scorsa settimana alcuni adolescenti di Padova avrebbero postato su Instagram un video nel quale si riprendevano mentre torturavano una gallina.

“Il video risale a sabato sera – scrive l’Ansa - ed è stato girato in una strada del centro storico di Padova: una bravata nel corso della festa di compleanno di un diciottenne. Mentre la gallina viene inseguita e presa a calci i ragazzi ridono, come si trattasse di un gioco. Il video è stato poi rimosso dalla piattaforma social”.

Sembra che siano in corso indagini delle Forze dell’Ordine per chiarire l’accaduto e individuare i responsabili.

In questi casi l’appello di LAV è sempre alla valorizzazione della cultura del rispetto per tutti gli esseri viventi, al posto dei fin troppo frequenti appelli a violenze di reazione che capita di riscontrare nel pubblico.

La nostra azione educativa nelle scuole di ogni ordine e grado, attraverso i prodotti didattici e le iniziative che trovate anche su questo sito web, mira proprio alla sensibilizzazione e allo sviluppo dell’empatia.

Nel 2014 è uscito il nostro “Ho ucciso un po’ di lucertole – preadolescenti e animali in un’indagine svolta nelle scuole medie”, a cura di Ciro Troiano, responsabile Osservatorio Zoomafia di LAV.

Il volume ha lo scopo di analizzare il fenomeno della violenza sugli animali agita o assistita in età adolescenziale.