"Il mare è la loro casa", parte la campagna per bambini e famiglie

Il mare è la loro casa

Sensibilizzare bambini e bambine, ma anche e soprattutto le loro famiglie, a rispettare gli animali del mare e dei litorali.

Questo è lo scopo di “Il mare è la loro casa”, l’iniziativa LAV con il patrocinio del Ministero della Transizione Ecologica che prende il via questa estate in una serie di Comuni italiani aderenti, toccando anche grandi città turistiche come Venezia. A disposizione delle amministrazioni comunali ci sono striscioni da affiggere sulle spiagge, locandine con i consigli per una buona convivenza con gli animali del mare, cartoline da distribuire ai bambini. Tutti i materiali recano un QR code attraverso il quale si può accedere alla pagina web dedicata , dove si troveranno non solo utili consigli, ma anche un Podcast e un PDF da scaricare con una storia da leggere o ascoltare sotto l’ombrellone diretta proprio a bambini e bambine.

“L’abitudine di catturare piccoli animali sulla spiaggia è purtroppo diffusa – dichiara LAV – e sia i bambini che le loro famiglie sottovalutano il maltrattamento che quegli stessi animali subiscono. Cambiamenti di temperatura, manipolazione, urti, carenza di ossigeno provocano gravi sofferenze negli animali marini. Considerazioni simili si possono fare per gli animali di terra che popolano la spiaggia e la zona delle dune, senza contare il potenziale danno ambientale che si può produrre”.

“Il mare è la loro casa” al momento ha ricevuto l’adesione dei comuni di Aglientu (SS), Andora (SV), Bari (BA), Capaci (PA), Castiglione della Pescaia (GR), Catania (CT), Cogoleto (GE), Fermo (FM), Monopoli (BA), Parghelia (VV), Pisa (PI), Ricadi (VV), Tropea (VV), Venezia (VE), Vibo Valentia (VV), Zoagli (GE). Ha aderito inoltre Toscana Mini Crociere, che espleta un servizio di trasporto marittimo lungo la costa e le isole dell’arcipelago come Giglio e Gorgona.

Radio Popolare di Milano ci ha intervistati su questa campagna. Cliccate qui se volete ascoltare il Podcast dell'intervista.

Ulteriori Comuni o Enti pubblici e privati che volessero aderire possono contattare LAV scrivendo a educazione@lav.it